Home > censura, Linux, msn > La censura di MSN

La censura di MSN

ottobre 17, 2007

Sono indignato.

Sono indignato dopo aver appreso una notizia (secondo me sconcertante) dal sito di puntoinformatico : sulla censura che il server msn attua quando si prova a trasmettere alcune url.

Non ci credete, vero?

Se avete un account msn (non importa che utilizziate il live messenger, potete usarlo con qualsiasi programma), provate a inviare ad un vostro amico il link http://www.ebuddy.com e vedete cosa vi risponde.

Se non avete tempo o voglia di provare vi dò io la risposta:

ebuddycensurato.png

Purtroppo Microsoft non è nuova a questo tipo di censura. Anche sulla XBox Live se provate a inserire Linux come motto vi appare un messaggio “Il motto contiene un linguaggio inappropriato”.

Che microsoft inizi davvero ad aver paura dei concorrenti?

Per ora resto con la mia indignazione e speriamo che l’uscita della gutsy gibbon prevista per domani mi faccia sbollire un pò.

Alla prossima.

Daniele

 

Categorie:censura, Linux, msn
  1. Michelone
    ottobre 17, 2007 alle 2:14 pm

    Ho la soluzione:

    http://ebuddy.com (senza www). In @#@# alla MS🙂

  2. mr_kazzeggio
    ottobre 17, 2007 alle 9:27 pm

    stessa cosa è capitata a me mentre passavo ad un mio qualche comando per installare qualche pacchetto sul suo pc cmq ottima soluzione, spedirò sempre i link senza http://www... alla prossima, blog stupendo… complimenti… ciao…🙂

  3. dicembre 31, 2007 alle 5:40 pm

    ahahah fanno solo i loro comodi! le alternative ci sono: io uso Jabber e cerco di diffondere il software libero😉 qui non c’è da incazzarsi ma da rimboccarsi le maniche perchè sono esempi come questi che fanno cambiar idea agli utonti M$😉

  4. dicembre 31, 2007 alle 5:41 pm

    ah.. ps: siccome cmq gli utonti usano msn perchè lo usano tutti, ovunque vedete possibilità di spam usate la vostra mail di m$.. almeno gli intasiamo un pò i server😀

  5. aprile 21, 2011 alle 4:58 pm

    Ciao, ho trovato questo articolo perché stavo cercando un articolo da me scritto circa 7-8 anni fa in merito proprio a questo argomento su un sito che si chiamava linuxdesktop.
    Era ancora il tempo in cui si usava il msn messenger e non esisteva il live, fatto sta che dentro sul nickname bastava mettere parole tipo “webmaster”, “admin”, “administrator”, oppure anche “bitchx” (che è il nome di un client IRC testuale) e dava errore non lasciandoti cambiare nome.
    Però non importa… se scrivevi, in italiano, “sono un pedofilo e mi piace sfondare il sedere ai bambini” finiva che te lo faceva passare.
    A quanto sento, da 7 anni fa a ora, non sarà cambiato nulla
    Facebook è uguale!

  1. aprile 21, 2011 alle 5:08 pm
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: