Archivio

Archive for the ‘programmi’ Category

Tempo di quiete

febbraio 12, 2008 Commenti disabilitati

E’ sempre così.

Come negli oceani  tempeste burrascose e onde gigantesche arrivano repentine e vengono seguite da periodi di calma assoluta così da sembrar irreale, così nel mondo del software.

Le tempeste le abbiamo viste dalla fine del 2007 con lo sviluppo frenetico del KDE 4.0 e oggi: la calma.

Io continuo ad aggiornare ogni giorno dal repository svn del kde ma pochi cambiamenti appiano ai miei occhi desiderosi di vederli 🙂

E’ un periodo di bug-fixing e di lavoro sotto-coperta e per questo meno evidente.

E’ inevitabile spostare i nostri riflettori sul mondo degli altri software.

Ho fatto un giretto in rete per vedere l’andamento di altri programmi a me cari.

Dal mondo della virtualizzazione VirtualBox  rimane fermo alla versione 1.5.4 uscita il 29 dicembre anche se proprio ieri e la settimana scorsa sono uscite la prima e la terza beta per, rispettivamente, i sistemi operativi OpenSolaris e OS X.

Ubuntu Hardy Heron (la nuova versione di ubuntu prevista ad Aprile) è in versione alpha 4. La ho provata e, a parte piccoli bug che ci devono essere :-), mi è sembrata davvero molto stabile e interessante. Si vede che si sta creando una versione con supporto a lungo termine  e la sua stabilità ne è la prova.

Dal mondo gnome ci sono dei miglioramenti e i cantieri lavorano frenetici per il rilascio di gnome 2.22 ma si prosegue sempre a piccoli passi (come nella tradizione gnome). La modifica piu’ di rilievo è l’abbandono dello gnome-vfs a vantaggio di GIO). In soldoni si tratta del modo con cui gnome (e soprattutto il nautilus) accedono alle risorse. GIO dovrebbe essere molto piu’ veloce e performante del suo predecessore.

Per il resto.. silenzio

Speriamo tornino presto le tempeste 🙂

Daniele

Fritto misto

dicembre 4, 2007 4 commenti

Facciamo un volo radente sul mondo opensource per vedere cosa è successo in questi ultimissimi giorni:

Per gli sviluppatori è uscito il nuovissimo NetBeans 6.0. L’ambiente di sviluppo integrato marchiato SUN.  Sempre più bello,curato e veloce (scusate se sono di parte ma è l’ambiente che io uso quotidianamente per sviluppare :-)) .. Potete scaricarlo da qui

Per gli amanti del “brivido” che non resistono un giorno senza rendersi instabile il computer 🙂 è uscita la prima alpha di Ubuntu 8.04 Hardy Heron. Le novità non sono tantissime. Principalmente sono stati aggiornati tutti i pacchetti ma niente di nuovo sotto il sole.E’ ancora presto per vedere le caratteristiche di questa nuova versione… tuttavia se volete provarla potete scaricarla da qui

Restiamo nel campo delle distribuzioni linux, dove vediamo l’uscita (tempesticamente perfetta per un regalo di Natale) di Mandriva Flash 2008. Mandriva è una ottima distribuzione linux indirizzata soprattutto per i novelli pinguini grazie al suo tool di configurazione Drakconf che facilita tutte le operazioni di gestione della propria macchina.  L’aspetto più interessante di questa versione è che viene venduta preinstallata in  una chiavetta USB da 4giga senza la necessità di installazione. Ovunque vi troviate potete inserire la penna usb nel computer di turno e trovarvi dopo pochi istanti con un’ottima distribuzione linux funzionante e i vostri dati. Bello no? Per informazioni seguite il solito link

Abbandoniamo le distribuzioni linux e concludiamo questa rapida carrellata di “novità” con un desktop environment: XFCE. E’ stata rilasciata la versione 4.4.2. Non molte novità in campo in questa versione che rappresenta solo un bugfix della precedente. Volevo sottolinearla perchè XFCE (secondo me) è un ottimo desktop environmente un pò sottovalutato che meriterebbe una fetta di mercato più ampia..

Tornando a terra vi mando un caroloso saluto…

Alla prossima

Daniele

Quale browser usate?

novembre 26, 2007 7 commenti

Scegliere il browser in ambiente linux sembra facile ma non lo è 🙂

Io sono un fan di firefox ma, non nascondo che la sua integrazione con kde è inesistente e, spesso mi si pianta senza un reale motivo.

Spinto da un vento di novità, stamattina sono andato a fare un giretto nei repository per vedere (e provare) le alternative.

Le mie esigenze sono:

  • Avere un browser leggero e che non mi pianti la macchina
  • Che sia veloce nel rendering delle pagine
  • Integrato con il mio desktop (ovviamente il KDE 4 compilato stamattina)
  • Perchè no, carino 🙂

Ecco le alternative che ho provato:

Konqueror

Il konqueror è il browser integrato di KDE fin dagli albori.

La versione provata da me è proprio quello che attualmente è in cantiere nei pc degli sviluppatori del team 🙂

Niente da ridire sull’integrazione col desktop (ovviamente), carinerie e leggerezza.. ma pecca un pochetto in velocità rispetto ai rivali. Il motore KHtml (usato ad konqueror) è più lento del famoso Gecko di mozilla quindi questo è un punto a sfavore per questo programma.

Epiphany

Epiphany è il browser standard di Gnome.

Utilizza lo stesso motore di rendering del firefox ma risulta molto più stabile (non si sà il perchè :-))

E’ un ottima alternativa a firefox se non chè risulta troppo semplice e poco “personalizzabile”.

Opera

Opera è il browser alternativo del browser alternativo (firefox) :-))

Seguo opera da anni, da quando l’interfaccia grafica aveva un fastidioso banner pubblicitario per far guadagnare la casa produttrice.

Devo dire che dopo un periodo di abbandono oggi ho scaricato la sua ultima versione e mi ha davvero stupito.

Lo ho trovato velocissimo, molto leggero, integrato (sarà che è fatto con le QT come il kde) e personalizzabile.

Ad occhio il rendering delle pagine è più veloce di quello di firefox e la qualità del rendering non è niente male anche se noto qualche problema con i campi di testo testuali.

Conclusioni

Per oggi mi sà che uso opera.. tanto lo sò che poi ritorno sempre a firefox e ai suoi crash.. ci sono affezionato a quel panda rosso 🙂

Ah..dimenticavo.. se volete provare opera potete scaricalo da qui

mentre Epiphany e Konqueror li trovate nei repository della vostra distribuzione…

Alla prossima

Daniele

Instantbird, un client messenger marcato Mozilla

novembre 12, 2007 2 commenti

Nel paniere dei software marcati Mozilla Foundation mancava ancora all’appello un client messenger.

Questo fino a pochissimo tempo fa perchè, oggi, dalla simbiosi del motore libpurple per la comunicazione e del rendering gecko è nato Instantbird.

Libpurple è il motore sul quale si basa l’ormai famosissimo client messenger Pidgin.

L’uso di tale libreria permette di utilizzare una gran varietà di protocolli diversi e di comunicare con le comunità più disparate.

Dal papà Gecko invece ha ereditato il motore di rendering e dal firefox la gestione dei temi e la modularità.

Nel home page del progetto si legge:

“Instantbird, the powerful instant messenger based on Mozilla technologies and Pidgin!”

Per ora, di powerful ha solo questa scritta.

E’ ancora in fase embrionale e tante ancora devono essere le features da implementare.

Comunque il progetto premette bene e io gli faccio i miei migliori auguri

Daniele

Videochiamate pinguine con Skype 2.0 beta!

novembre 8, 2007 1 commento

Apro questo post con una parola soltanto: Finalmente!!!

skypelinux_video.png

E’ la notizia del giorno. Finalmente il team di skype ha rilasciato la versione 2.0 beta del famoso programma di telefonia che, in questa nuova versione, aggiunge una feature tanto agognata e già presente nelle versioni Windows e Mac : LA VIDEOCHIAMATA!Qui trovate le note di rilascio

Da questo link invece potete scaricare il programma.

Buona videochiamata a tutti!

Daniele

Categorie:Linux, programmi

Hotwire: Il terminale ibrido

novembre 7, 2007 5 commenti

 hotwire.png

In questi anni gli alimenti geneticamente modificati vanno parecchio di moda perchè tendono ad unire i vantaggi di due prodotti diversi per crearne uno nuovo (e in teoria) migliore.  Lungi da me difendere questo genere di prodotti ma mi serviva pure una introduzione per l’argomento di oggi, no?

Hotwire è molto simile ad un alimento geneticamente modificato. Rappresenta l’unione genetica di un terminale e di un gestore di file.Da questa fusione è nato un nuovo tipo di prodotto : un terminale ibrido.

Ma cosa fa realmente hotwire?

Hotwire possiede tantissime scorciatoie e facilitazioni per gli amanti del terminale. Tutti i comandi più comuni (come ls, rm, cp,etc) sono stati implementati “internamente” al programma aggiungendo nuove funzionalità.

Vi faccio alcuni esempi:

Se digitate il comando ls vi apparirà graficamente la lista dei file e cliccandoci potete aprirli o navigare tra le directory. Potete usare anche il tasto destro e vi aprirà il classico menù con “Apri con”

Il comando rm vi permetterà di cancellare un file o una directory (senza necessità di aggiungere -r) e, rispetto al classico rm, è possibile fare l’undo così da poter ripristinare file o directory cancellati erroneamente.

Hotwire aiuta nel completamento dei nomi dei file e tiene una history di tutti i comandi eseguiti (così da poter vedere i vari output) e poterli rieseguire.

Unica nota dolente, per ora, è che il sistema non supporta il comando sudo. Potete ovviare a questo utilizzando gksu al posto di sudo (quando occorre).

Se vi ho incuriosito e volete provare questo programma potete scaricarlo dall’archio di getdeb da questo link 

Alla prossima

Daniele

Categorie:hotwire, Linux, programmi

Sta arrivando il filetransfer su emesene

ottobre 5, 2007 21 commenti

Vi ricordate di emesene? Ne ho parlato diverse volte (cit. Non cedere alle tentazioni e Aggiornamento dal mondo emesene)

Una delle mancanze più grandi del giovissimo progetto era l’assenza al supporto per il file transfer. Come noterete parlo al passato perchè STAMATTINA, quando ho aggiornato il progetto dal repository (cosa che faccio ogni giorno, lo sò non stò molto bene :-)) ho avuto un bellissimo regalo che vi riassumo con uno screenshot

emeseneft2.jpg

Come potete notare in basso alla finestra il file transfer sta funzionando!

Ovviamente è tutto freschissimo e il team sta ancora lavorando sul pezzo quindi ci sono dei problemi e delle cose da sistemare.

Ad esempio il file viene sempre salvato nella directory home dell’utente, se si avviano più di un file transfer si hanno ancora dei problemi e non è possibile ancora spedire dei file..però come vi dicevo si sistemarà tutto molto presto!

Tra l’altro mi piace moltissimo anche la scelta grafica. Avere i file transfer sotto la finestra di chat con il contatto è una cosa che mi garba parecchio.

Complimenti al team di emesene e se volete anche voi provare questo promettente client vi consiglio di leggere qui

Vi terrò aggiornati..

Alla prossima

Daniele

Categorie:emesene, Linux, programmi